Autorità Portuale di Salerno

Territorial office of Salerno

Meteocamera.png
*
Home > Communication > Notes > Grande interesse per il Porto di Salerno alla Transport Logistic China 2016
Grande interesse per il Porto di Salerno alla Transport Logistic China 2016 Save as pdf Print E-mail
15/06/2016

I porti italiani insieme a Shanghai sotto l’emblema “Italy all in one”

“Particolare interesse e successo per il nostro Porto” – dichiara il Presidente dell’Autorità Portuale di Salerno, Andrea Annunziata in missione a Shanghai per partecipare alla Transport Logistic China 2016, una delle più importanti fiere dedicata al settore dello shipping e alla logistica.

“Esprimo grande soddisfazione per gli anni di lavoro dedicati alla realizzazione delle nuove infrastrutture portuali, ma è evidente - continua Annunziata - che la definitiva consacrazione del Porto di Salerno dipende dalla velocità con la quale riusciremo a concludere le ultime e decisive grandi opere, che consentiranno un nuovo ed enorme sviluppo per il nostro Scalo, per gli interporti e per le aree interne della Provincia e di tutta la Campania.”

Dopo due anni i Porti italiani ritornano in Cina per partecipare, con una collettiva coordinata da Assoporti, all’evento biennale “Transport Logistic China”, organizzata a Shanghai dal 14 al 16 giugno in alternanza all’analoga manifestazione europea, che si tiene a Monaco di Baviera.

Presenti nel padiglione “Italian Ports Association” sotto l’emblema “Italy all in one”, 10 porti: Genova, Gioia Tauro, La Spezia (LPA), Livorno, Napoli, Salerno, Savona, Palermo, Taranto e Trieste.

L’obiettivo della presenza in Cina è quello di rafforzare le relazioni fra gli Scali italiani e le imprese cinesi che hanno manifestato grande interesse a consolidare e incrementare i traffici verso i mercati europei.

Avvalorano queste tendenza i recenti dati pubblicati da Dealogic relativi alla nuova politica di investimenti, adottata dal Governo di Pechino, rivolta all’Europa e agli Usa con interventi cospicui attraverso l’acquisizione di società, per un totale, nei primi sei mesi dell’anno, di 143 miliardi di dollari, ovvero il 33% in più del 2015.

Del resto, l’Italia è tra i principali Paesi che, in questo momento, hanno suscitato l’interesse del mercato cinese, confermato dal significativo afflusso di pubblico, registrato nel corso del Salone della Logistica di Shanghai, dove i rappresentanti istituzionali dei Porti partecipanti hanno illustrato i grandi progetti di infrastrutturazione e di sviluppo, che caratterizzeranno il futuro dei sistemi della portualità italiana.

Il Presidente Antonino De Simone, vice-presidente di Assoporti e capo-delegazione, ha commentato a margine di un incontro con delegati cinesi, “siamo di nuovo qui tutti insieme e stiamo riscuotendo notevole interesse da parte di imprese logistiche e rappresentanti istituzionali. Tutto ciò conferma la centralità dei Porti per il sistema italiano e l’importanza di agire tutti uniti sui mercati internazionali per ottenere un risultato importante.”

 

foto1_tlchina2016.jpg

Il presidente Andrea Annunziata con i presidenti delle Autorità Portuali di Trieste, Taranto e Messina

 

foto2_tlchina2016_500.jpg

Il presidente Andrea Annunziata con Andrea De Sio office manager della GF Logistic China parte del Gruppo Gallozzi